fbpx
CLOSE
Back To Top
Image Alt

Caffettin

‘Passione’ proveniente dal vecchio mondo

L’italiano Michele Carisi diventa portavoce dei caffè speciali di Coopeavi con una propria filosofia che rispetta l’origine dei cereali e valorizza la storia dei coltivatori di caffè nelle montagne di Capixaba

La specialità del caffè prodotto nelle montagne della regione dell’ Espirito Santo vanno nella direzione opposta dell’immigrazione italiana, che in questa regione ha raggiunto il picco nel 1891. Nella provincia di Treviso (Veneto), Italia settentrionale da dove arrivano molti discendenti, l’imprenditore Michele
Carisi è portavoce dei prodotti di altissima qualità, coltivati da piccoli agricoltori legati alla Cooperativa Agricola Centro Serrana (Coopeavi).
A soli 51 anni, questo italiano di Candelù di Maserada Sul Piave è un entusiasta interprete della filosofia che combina comunicazione, passione e imprenditorialità nei caffè della terza onda. Tale movimento, partito dall’Australia, è caratterizzato da nuovi metodi di tostatura e filtraggio e valorizza l’apprezzamento delle origini; tale movimento è un fenomeno recente in Italia.
La “Microtorrefazione Caffettin è al piano terra della storica casa padronale che Michele Carisi ha ereditato dal bisnonno. Quando si arriva al bancone del “Caffettin” per scoprire Michele vuole far comprendere al consumatore tradizionale e al resto d’Europa, che “un buon caffè, oltre al sapore, può comunicare anche cose buone.”

“Il caffè può cambiare la visione delle cose, può cambiare il mondo. I miei pensieri vanno oltre a me. Il mio scopo non è arricchirmi con il caffè, mi concentro sulle cose belle del caffè. È l’occasione per me di fare qualcosa di buono, per dimostrare che mentre il consumo di caffè è concentrato in Occidente, la sua produzione è nella parte del mondo meno fortunata economicamente “.

(Michele Carisi)

L’interesse per i caffè speciali è iniziato nove anni fa. Carisi dice di essere nato barista, ma ha voluto approfondire “questa materia molto complessa, interessante e ampia” che è la coltivazione del caffè. Nel 2016 ha incontrato Coopeavi tramite l’esportatore Roberto Pagotto. Dopo essere venuto a conoscenza del lavoro della cooperativa, ha subito voluto provare i caffè Arabica delle montagne di Capixaba alla luce degli aromi differenziati e della questione sociale dietro alla produzione del caffè stesso.

“Ho trovato le persone giuste che fanno la differenza. La fiducia con Roberto fu subito reciproca. Prima è nata la relazione di amicizia, poi quella di lavoro. Mi sono sentito onorato della credibilità di una cooperativa con oltre 12mila associati, perché in quel momento non contava la quantità, ma tutto ciò che sarebbe venuto successivamente”

, dice Michele Carisi

Pagotto durante i suoi 10 anni in Italia, ha contribuito a creare un collegamento tra il mercato italiano e il caffè Capixaba. Pagotto sottolinea inoltre che “Il caffè di Coopeavi merita di essere diffuso perché esce direttamente dai produttori ai consumatori ed estimatori stessi, in modo da poter valorizzare il loro lavoro, che, invece, solitamente è il meno retribuito nella filiera internazionale del caffè. Il lavoro della cooperativa è importante, e per questo deve essere valutato “.

Primo lotto
Il primo acquisto di caffè Coopeavi è avvenuto nel 2016 e ha incluso la selezione del produttore José Leandro Romão, di Castelo, nel sud dell’Espírito Santo. Chicchi che, secondo Carisi, producono un caffè d’eccellenza, con un punteggio medio di 90 punti.
Il costo di un sacco di Caffè Selezionati, che arriva in Italia, può arrivare al triplo rispetto alla miscela di Arabica che si beve nel Rio de Janeiro.
Il micro lotto composto da sei sacchi, con note sensoriali di frutta secca e cioccolato, arrivò in Italia in aereo. Al “Caffettin”, il caffè, arrivato verde, è stato tostato per essere venduto in confezioni con tanto di tracciabilità (contenente informazioni complete sull’origine e le condizioni di produzione) e servito sotto forma di caffè espresso.

“Mi sono innamorato dei caffè delle montagne di Capixaba e ho visto la grande potenzialità in questa collaborazione con Coopeavi, perché tutti beviamo caffè, soprattutto in Italia. Voglio mostrare ai miei clienti che questo caffè proviene da una specifica regione del Brasile, prodotto da un piccolo produttore collegato a quella cooperativa, che produce questo chicco di caffè da generazioni, dando un valore aggiunto a tutto questo “, spiega Carisi.

Il caffè di Jose Leandro Romão (foto sotto) è un successo tra i clienti del “Caffettin”. “È particolarmente profumato, ricco, molto diverso dagli altri brasiliani. Voglio incontrare il coltivatore di caffè l’anno prossimo in Brasile. ” Il produttore è rimasto sorpreso del successo che il suo prodotto ha avuto. “È bello vedere il mio prodotto dall’altra parte dell’oceano, dal momento che in Brasile le cose sono difficili”, dice Romão, vincitore di numerosi premi di qualità.

Con la tracciabilità e la valorizzazione delle origini, i caffè speciali garantiscono un mercato differenziato per i prodotti dei coltivatori di caffè di Capixabas in Italia, dove è appena iniziata la terza onda di coltivazione del caffè
Un nuovo mercato
Lo scorso anno Carisi ha effettuato un’ulteriore acquisto dei microlotti della cooperativa, tra cui i caffè speciali di Gilberto Brioschi di Venda Nova do Imigrante. Questa volta però il trasporto è stato effettuato interamente con nave e camion
Sempre alla ricerca di sapori esotici in Brasile e in altri paesi produttori, l’acquirente ha bisogno che i caffè provengano da piccoli lotti e prodotti da piccoli produttori.

“L’importante è che tali caffè portino con sé le loro storie, non solo caffè. Se non hai energia, non succede nulla. Non è interessante per un piccolo produttore appartenere a una cooperativa

interessata solo al business. Deve esserci qualcosa di buono, genuino e pulito. È questa operazione che mi gratifica “

, afferma Michele Carisi.
Per l’imprenditore, il cooperativismo è la via d’uscita per i piccoli produttori per accedere al mercato dei caffè Speciali.

“Il cooperativismo è fondamentale nel vostro paese, perché è la via per la sopravvivenza nel mondo della produzione. Quando ho saputo che Coopeavi era composto da piccoli produttori che si riunivano per fare qualità, questa era già una risposta importante per me. La forza funziona solo quando si è uniti. Dopo aver conosciuto la cooperativa ho confermato questa buona immagine di Coopeavi e dei suoi prodotti “.

Il Direttore di Coopeavi Giliarde Cardoso ha incontrato personalmente Carisi durante una fiera internazionale a Milano (Italia) nel 2017. Fu proprio durante tale evento che si percepì la terza onda di caffè diffondersi nel paese.

“Il loro interesse è giocare all’alchimista, con diversi tipi di torrefazione per diversi metodi”.

Per Cardoso, la proposta di Michele Carisi

“si concilia perfettamente con il lavoro della cooperativa, che è quello di rappresentare i produttori. Michele è un riferimento nella terza onda di caffè. Il consumatore oggi desidera sapere come viene prodotto il caffè. Ciò che le caffetterie adesso devono conoscere è l’origine dei chicchi. L’importanza di ciò è nell’aggregazione del valore, perché stiamo parlando della qualità del prodotto per un pubblico specifico ed esigente”, dice.